L’acqua può salvarti da un proiettile come in un film?

Mag 18, 2020 | il mondo dei film | 0 commenti

L'immersione in acqua può salvarti da un proiettile come in un film? L’acqua è in grado di fermare i proiettili e salvarti la vita?
  • Facebook
  • Twitter
  • Gmail

Ti stanno sparando. Sei dentro una piscina profonda 1,5 metri. L'acqua può fermare i proiettili?

Nella tua mente ricordi ancora l’acqua che blocca il proiettile come nei film.

 

 

 

I film che mostrano queste scene non sono lontani dalla verità, ecco perché.

 

 

 

Resistenza idrodinamica

 

La resistenza idrodinamica sul proiettile è il motivo principale della riduzione della velocità.

 

Anche nell’aria, i proiettili avvertono resistenza.

 

La densità dell’acqua è 800 volte quella dell’aria, quindi i proiettili possono diffondersi solo fino a 60 cm.

 

I proiettili MG-42 possono penetrare nelle profondità dell’acqua fino a 75 cm.

 

Ricorda, i proiettili dell’MG-42 vengono lanciati a una velocità di 3300 km / h.

 

 

 

Velocità

 

Secondo l’equazione idrodinamica della resistenza-Wikipedia, più veloce è il proiettile inizialmente, maggiore è la resistenza che riceve dall’attrito.

 

Ciò significa che calibri più piccoli (come proiettili di pistola o fucile) possono penetrare a una profondità superiore a 2,40 metri

 

 

 

Angolo

 

A meno che non sparino dal cielo, la maggior parte delle persone non sparerà a livello dell’acqua.

 

Se il proiettile viene sparato con un angolo inferiore a 30 gradi (più o meno), lo spazio di viaggio del proiettile nell’acqua non supera i 90-150 cm.

 

 

 

Rimbalzi

 

Come accennato in precedenza, un angolo basso comporterà una penetrazione inferiore, un angolo più piccolo può causare un rimbalzo e probabilmente non verrai colpito da un proiettile.

 

 

 

Conclusione

 

Credo che l’acqua possa proteggerti dai proiettili, ma ci sono altri problemi da considerare, come essere intrappolati in una piscina poco profonda o l’impoverimento dell’ossigeno.

 

Propiertà dell’acqua.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This