Il sindaco di Taranto contribuisce al creare il caos: “Meglio non tutti a scuola in presenza”

Nov 8, 2020 | Attualità | 2 commenti

Taranto: il sindaco istituisce il coprifuoco alle 20.00
  • Facebook
  • Twitter
  • Gmail

Anche il sindaco contribuisce a creare il caos

Iscriviti al nostro canale telegram per restare aggiornato in tempo reale, clicca qui

Segui la nostra pagina facebook e resta sempre aggiornato, clicca qui

Un altro autorevole parere

 

«Siamo vicini a tutti i nostri dirigenti scolastici in questo momento così complesso e intendiamo rafforzare il nostro supporto tecnico-organizzativo, per colmare lacune che non sono di stretta competenza del Comune di Taranto.

Ma i dirigenti scolastici non devono frettolosamente e perentoriamente evadere dalle responsabilità dell’ordinanza regionale, richiamando tutti alla didattica in presenza già da domani.

Occorre prudenza e un grande sforzo operativo». Lo afferma il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, a proposito dell’organizzazione nelle scuole pugliesi dove da domani si potrà scegliere se seguire in presenza o in Dad. 

Il primo cittadini sottolinea che «il Covid-19 sta riempiendo le corsie dei nostri ospedali, aumentano i decessi, la situazione non va presa alla leggera, e per chi decide di rientrare a scuola il rispetto delle regole deve essere ancora più stringente». 

«Martedì prossimo – annuncia – sentiremo tutti i dirigenti scolastici e anche le organizzazioni sindacali, per comprendere come ricercare insieme un punto di equilibrio e sostenere al meglio la didattica mista».

«Hanno ragione, probabilmente – conclude il sindaco – quegli addetti ai lavori che chiedono di abituarci e strutturarci ad un sistema di stop&go per la didattica in presenza»

 

Fonte, clicca qui

2 Commenti

  1. uomotarantino
    • Facebook
    • Twitter
    • Gmail
    • Facebook
    • Twitter
    • Gmail

    ma che cavolo dite. in presenza… attendendo che prima o poi ci infettiamo tutti? , tanto e solo questione di tempo.. dobbiamo infettarci di COVID19 per poi rimanere a casa in quarantena… e le lezioni le perdiamo?? allora dateci da subito la DID.
    abbiamo tutti chiuso pizzerie , bar, ristoranti dove comunque c’era il distanziamento organizzato dai titolari dei locali con delle linee guida. e poi facciamo assembramento a scuola.. con le mascherine tutta la giornata.. ma voi siete impazziti tutti

    Rispondi
    • uomotarantino
      • Facebook
      • Twitter
      • Gmail
      • Facebook
      • Twitter
      • Gmail

      Sindaco adeguiamo le scuole con la DID. chi vuole andare a scuola in presenza può anche andare. succede che i bimbi si ammalano e restano a casa in quarantena , senza comunicare nulla all’istituto scolastico. altri bimbi ignari continuano ad andare a scuola e si infettano a catena.. cosa facciamo grazie

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This