Emiliano: 13.800 euro al mese per non decidere. È caos totale

Nov 7, 2020 | Attualità | 0 commenti

La scuola è nel caos
  • Facebook
  • Twitter
  • Gmail

La scuola è nel caos

Iscriviti al nostro canale telegram per restare aggiornato in tempo reale, clicca qui

Segui la nostra pagina facebook e resta sempre aggiornato, clicca qui

Non si capisce nulla

 

La non decisione di Emiliano ha gettato la scuola pugliese nel caos.

Se fino ad una settimana fa i dati della Puglia erano pericolosi da far chiudere le scuole cosa è cambiato nel frattempo?

È cambiata l’incapacità del duo Emiliano/Lopalco di decidere sul da farsi.

Eppure non era così difficile, o ti attenevi al tuo provvedimento o ti attenevi al DPCM del Governo.

Adesso nei gruppi scolastici sono già iniziate le discussioni su chi va e chi non va, con accuse reciproche che stanno esasperando un momento già difficile.

Il dilemma di Taranto, la salute o il lavoro, adesso si sposta sulla scuola: la salute o lo studio?

Certo che in questi giorni di chiusura delle scuole non abbiamo visto ragazzi chiusi in casa, sono usciti regolarmente, hanno preso l’autobus, ecc..

Chi è schierato per il non ritorno a scuola ha ancora più paura visto che la vita, al di fuori della scuola, è continuata regolarmente (con alcune eccezioni).

Del resto chi non manderebbe i propri figli a scuola teme l’isolamento e la non preparazione adeguata.

E’ inutile dire che l’insegnamento in presenza è completamente diverso da quello on line, inoltre come farebbero gli insegnanti a gestire entrambe le cose?

Un lavoro quasi impossibile che penalizzerebbe sicuramente chi non è in presenza.

E allora che fare: salute o scuola?

Chi prende uno stipendio di quasi 14.000 euro al mese dovrebbe decidere ma non lo fa e solo per questo dovrebbe essere sfiduciato e mandato a casa.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This