Cosa succederà quando crollerà la Torre pendente di Pisa?

Cadrà, gli esperti lo sanno molto bene e non possono evitarlo.
  • Facebook
  • Twitter
  • Gmail

La Torre di Pisa cadrà, gli esperti lo sanno molto bene e non possono evitarlo.

Hanno iniettato di tutto nel terreno nel tentativo di consolidarlo.

Sotto sta l’antico Foro Romano di Pisa in terra instabile e stratificata.

La torre si trova su un terreno “morbido”, che consente la trasmissione continua delle vibrazioni in tutta la struttura.

Nelle ultime stagioni, il numero medio di turisti che sale sulla torre è di 3 milioni di turisti all’anno.

La tariffa normale per salire sulla torre è di 18 euro.

Ciò significa circa 54 milioni di euro di entrate ogni anno, considerando una media statistica di 8000 visitatori al giorno calcolata in 365 giorni.

La torre fu costruita nel 13 ° secolo e il suo scopo era quello di suonare la campana ogni due campanili o di essere mantenuta da due chierichetti, ma non si sarebbe mai immaginato che migliaia di persone visitassero le strette scale ogni giorno.

La città può sopravvivere solo dalla catena di approvvigionamento universitaria (hotel, negozi di fotocopie, piccoli negozi, ecc.) e sulla torre.

Se dovesse quindi crollare, la ricostruirebbero immediatamente e potrebbero persino usare gli ascensori.

Proprio come il crollo del campanile di San Marco a Venezia nel secolo scorso.

Quello che vedi oggi è la sua ricostruzione generale (con ascensore).

 

Storia della Torre di Pisa

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This